Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

 

Dipartimento di Scienze della Comunicazione,

Studi Umanistici e Internazionali

(DISCUI)

 

 

University of Urbino Carlo Bo

 

Department of Communication, Humanities

and International Studies (DISCUI)

 

 

 

Raffaella Sarti

 

Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”

 

§  [Scuola di Scienze Politiche e Sociali]

§  Dipartimento di Studi Internazionali: Storia, Lingue, Culture

 

E-mail / E-mail

§  raffaella.sarti@uniurb.it

 

Pagina Web / Webpage

 

§  http://www.uniurb.it/sarti/

 

Nota importante per studentesse e studenti

 

§  A quali e-mail Raffaella Sarti NON risponde e perché

 

§  FAQ

 

 

2013-04-13_144320-Lella

 

 


 


In evidenza                                             Highlights

 

 

Pietre, castelli e palazzi da leggere

nell’Europa medievale e moderna

 

Urbino, 15-17 maggio 2017

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

 

 

 

Stones, Castles and Palaces to be Read

in Medieval and Early Modern Europe

 

Urbino, 15-17 May 2017

University of Urbino Carlo Bo

 

Vai al programma del convegno           Go to the programme of the conference

 


 

Vai a

 

§  Insegnamenti: Storia Moderna, Storia dei Generi, Demografia e Storia Sociale

Archivio programmi d’esame

§  Curriculum vitae
Formazione
Didattica
Ruoli di rappresentanza e responsabilità gestionali
Interessi di ricerca e pubblicazioni
Partecipazione a gruppi di ricerca e organizzazione di convegni (dal 2000 in poi)
Partecipazione a redazioni di riviste e comitati editoriali, a comitati scientifici di collane
Attività di consulenza, valutazione e peer review
Conoscenze linguistiche

§  Pubblicazioni e tesi di dottorato
Tesi di dottorato
Volumi (come autrice o curatrice)
Curatele di fascicoli e sezioni monografiche di riviste
Articoli su riviste e saggi in volumi collettanei
Dizionari
Schede, recensioni, brevi rassegne
Resoconti e rapporti di ricerca
Altro

§  Papers, disponibili online, presentati a convegni e seminari

Go to

 

§  Teachings: Early Modern History, Gender History, Demography and Social History

Archive of the examination programmes

§  Curriculum vitae
Education
Current position and teaching
Representative roles and administration
Research interests
Participation in research groups and organisation of conferences (since 2000)
Editorial boards and scientific committees
Evaluations and peer reviews
Language skills

§  Publications and Ph.D. thesis
Ph.D. thesis
Books (authored and edited)
Special issues and edited sections of journals
Journal articles and book chapters
Dictionaries
Reviews, comments, and short review essays
Reports
Other

§  Papers, available online, presented at conferences and seminars

 

 


 

Insegnamento: Storia Moderna / Teaching: Early Modern History

Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2015-2016:         link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

 

Insegnamento: Storia dei Generi / Teaching: Gender History

Programma del corso di Storia di Genere a.a. 2015-2016:       link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

 

 

Archivio programmi d’esame / Archive of the examination programmes

Ø  Insegnamento: Storia Moderna / Teaching: Early Modern History

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2014-2015:    link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2013-2014:    link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2012-2013:    link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2011-2012:    link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

 

A.a. 2010-2011: Raffaella Sarti ha aderito alla protesta dei ricercatori e pertanto non ha dato la propria disponibilità a tenere corsi.

 

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2009-2010:      link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2008-2009:      link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2007-2008:      Scarica/Download.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2006-2007:      Scarica/Download.

Ø  Programma dell’esercitazione di Storia Moderna a.a. 2005-2006: Scarica/Download.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2004-2005:      Scarica/Download.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2003-2004:      Scarica/Download.

Ø  Programma del corso di Storia Moderna a.a. 2002-2003:      Scarica/Download.

 

Ø  Insegnamento: Storia dei Generi / Teaching: Gender History

 

Ø  Programma del corso di Storia di Genere a.a. 2014-2015: link alla pagina web con il programma/link to the webpage of the programme.

 

Ø  Insegnamento: Demografia e Storia Sociale / Teaching: Demography and Social History

Ø  Programma del corso di Demografia e Storia Sociale a.a. 2008-2009:

1) link alla pagina web con il programma.

2) link alla pagina web dove sono reperibili A) il testo relativo alla parte del corso svolta dal Prof. Salinari e B) le slides relative alle sue lezioni.

 

 

Curriculum vitae

a - Curriculum vitae dettagliato

(in italiano, aggiornato all'ottobre 2015 - clicca qui)

 

b – Curriculum vitae sommario

Formazione

 

Raffaella Sarti è nata a Bressanone/Brixen (BZ), dove ha frequentato le scuole dell’obbligo e il liceo, conseguendo la maturità classica nel 1982 con il massimo dei voti (60/60).

 

Iscrittasi al corso di laurea in Storia Contemporanea presso l’Università a Bologna, si è laureata nel 1988 con 110/110 e lode. Ha poi frequentato il dottorato in Storia della Società Europea presso l’Università di Torino, addottorandosi nel 1994.

 

Dal 1995 al 1997 è stata borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Firenze. Nel frattempo, ha conseguito le abilitazioni all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado, e ha poi insegnato un anno nella scuola media (1997-1998). Risultata vincitrice di una borsa di studio ‘Marie Curie’, dal 1998 al 2000 ha svolto attività di ricerca presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales (Centre de Recherches Historiques) di Parigi. Nello stesso periodo ha cominciato a collaborare con la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Urbino, dove, tra il 2000 e il 2001, è stata assegnista.

 

Presso tale Facoltà, ha preso servizio nel 2001 come ricercatrice in Storia Moderna, essendo risultata vincitrice del concorso bandito in tale settore.



Didattica

 

Appena preso servizio come ricercatrice, ha cominciato a tenere corsi curriculari per affidamento presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Ateneo di Urbino.

 

Nel 2001-2002 ha insegnato Metodologia della ricerca storica; dal 2002 al 2010 ha tenuto il corso di Storia Moderna, corso che ha ripreso dal 2011 e tuttora insegna (attualmente è corso caratterizzante obbligatorio del primo anno della laurea triennale in Scienze Politiche, Economiche e del Governo, 7 CFU).

 

Nel 2008-2009 ha tenuto anche il corso di Demografia e Storia Sociale nella Laurea Specialistica in Scienze Politiche (7 CFU).

 

Ha inoltre fatto parte del Consiglio del Corso di Laurea Specialistica in Scienze Archivistiche, Librarie e dell’Informazione Documentaria presso la Facoltà di Lettere e Filosofia (dalla sua nascita alla chiusura nel 2009).

 

Nell’a.a. 2010-2011, non avendo tenuto corsi curriculari per l’adesione alla protesta dei ricercatori, ha ideato e tenuto un corso di Introduzione alla storia delle donne e dell’identità di genere aperto a tutti gli studenti e le studentesse dell’Università di Urbino (6 ore di lezione, con riconoscimento di CFU).

 

Dal 2014-2015 tiene il corso di Storia dei Generi presso la Laurea Magistrale in Lingue per la Didattica, l’Editoria, l’Impresa della Scuola di Lingue (8 CFU).

 

* * *

 

Oltre che nell’Ateneo di Urbino, ha insegnato all’estero e presso l’Università di Bologna.

 

Presso il Centre de Recherches Historiques di Parigi (unità mista del CNRS e dell’École des Hautes Études en Sciences Sociales), di cui dal 2001 al 2011 è stata membre associé, ha seguito mémoires di DÉA (Diplôme d’études appliquées), e M2 e ha tenuto alcuni seminari (in francese, 2003-2004).

 

Nel primo semestre dell’a.a. 2006-2007 è stata Käthe-Leichter Gastprofessorin presso l’Institut für Geschichte dell’Università di Vienna, dove ha tenuto (in tedesco) tre insegnamenti curricolari, con prove finali.

 

Dall’a.a. 2006-2007 all’a.a. 2008-2009 è stata inoltre professore a contratto presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, insegnando Storia sociale (2006-2007) e Storia delle donne (2007-2008) nella Laurea Specialistica in Storia d’Europa, nonché Storia delle donne e dell’identità di genere (2008-2009) nella Laurea Magistrale in Scienze Storiche.

                                                                                                                     

Da maggio a luglio 2014 è stata investigadora visitante presso l’Università di Murcia, in Spagna, dove ha tenuto seminari e incontri per dottorandi e giovani ricercatori.

 

* * *

 

Ha svolto, e svolge, anche didattica a livello di dottorato.

 

Nel corso degli anni ha tenuto lezioni e organizzato e/o partecipato a seminari per dottorandi in varie Università italiane e straniere (per i quali si rimanda al Curriculum vitae analitico).

 

Dal 2007 al 2014 ha fatto parte del collegio docenti del dottorato di ricerca internazionale (con università tedesche, austriache e italiane) in Politische Kommunikation von der Antike bis ins 20. Jahrhundert / Comunicazione politica dall'antichità al XX secolo con sede a Francoforte sul Meno.

 

Ha seguito/segue tesi di dottorato, come tutor o co-tutor, presso il Dottorato in Società Europea e Vita Internazionale nell’Età Moderna e Contemporanea dell’Università Statale di Milano, presso il Dottorato in Storia e Geografia d'Europa dell’Università di Bologna e presso l’Università di Murcia.

 

Ha fatto parte di commissioni per la prova finale del dottorato a Bologna (2011), Santiago de Compostela (2004) e all’Universidad Complutense di Madrid (2014). Ha steso inoltre giudizi su tesi di dottorato come referee (nel 2008 per una tesi di dottorato presso l’Universidad Carlos III di Madrid; nel 2014 per una tesi all’Universidad de Murcia).

 

 

Ruoli di rappresentanza e responsabilità gestionali

 

Ha sempre partecipato attivamente alla vita delle istituzioni in cui ha lavorato/lavora ricoprendo incarichi di rappresentanza e responsabilità gestionali.

 

In questo senso, è stata rappresentante dei ricercatori nel Consiglio della Facoltà di Scienze Politiche (2001-2006), componente della Giunta del Dipartimento per la Storia e il Patrimonio Culturale (2010-2011) e, dal 2013, di quella del Dipartimento di Studi Internazionali: Storia, Lingue, Culture, ruolo che ricopre tuttora. Nel 2015 ha inoltre partecipato alla commissione che ha preparato il progetto, poi approvato, del Dipartimento di Scienze della Comunicazione, Studi Umanistici e Internazionali: Storia, Culture, Lingue, Letterature, Arti, Media (DISCUI).

 

Nel 2011-2012 ha fatto parte della Commissione per la riforma dello Statuto di Ateneo che ha ridisegnato l’organizzazione dell’Università di Urbino adeguandola al dettato della legge 240/2010, e della Commissione che ha riscritto il Regolamento Generale di Ateneo.

 

Responsabile dei tutors della Facoltà di Scienze Politiche, dal 2010 al 2012 ha fatto parte della Commissione di Ateneo su tutorato e innovazione didattica.

 

È inoltre co-presidente dell’Assemblea dei ricercatori di Ateneo (carica elettiva prevista dal regolamento che l’Assemblea dei ricercatori si è data).

 

 

Interessi di ricerca e pubblicazioni

 

Si occupa di storia delle donne e dell’identità di genere; storia della mascolinità; storia della famiglia in Europa; storia del matrimonio e del nubilato/celibato; storia globale del servizio domestico; storia della schiavitù nel Mediterraneo; storia della cultura materiale in Europa e nei paesi mediterranei non europei; storia dei graffiti e delle scritte sui muri in età tardo-medievale e moderna; storia del Sudtirolo dal Settecento ad oggi.

 

Nelle sue ricerche adotta spesso uno sguardo di lungo periodo e comparativo grazie alle competenze maturate relative alla storia sociale e di genere europea dal tardo Medio-Evo ad oggi.

 

È autrice di oltre cento pubblicazioni in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, olandese, croato e bulgaro (libri come autrice e curatrice, articoli in rivista, capitoli di volumi miscellanei, recensioni, voci di enciclopedia, rapporti di ricerca, testi di carattere divulgativo, etc.: per l’elenco completo si rimanda alla sezione Pubblicazioni e tesi di dottorato). Suoi lavori sono pubblicati da case editrici di primo piano nazionali e internazionali, come Laterza e Yale University Press, e su riviste di fascia A (in Italia “Quaderni Storici”, “Genesis”, “Polis”, “Oriente Moderno”; all”estero “Gender and History”, “European History Quarterly”, “Paedagogica Historica”, “International Review of Social History”), o comunque di grande impatto nei relativi settori, come “Clio. Femmes, Genre, Histoire” e “L'Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft” per la storia di genere, e “The History of the Family” per la storia della famiglia.

 

Il suo libro Vita di casa. Abitare, mangiare, vestire nell’Europa moderna, pubblicato da Laterza nel 1999 e disponibile anche online (www.laterza.it/vitadicasa) ha avuto numerose edizioni e ristampe (per le quali si rimanda alla sezione Pubblicazioni e tesi di dottorato). È stato inoltre tradotto in inglese, spagnolo, portoghese, olandese e croato, e recensito dalle maggiori riviste internazionali di storia da un lato e divulgazione storica dall’altro (“Annales. Histoire, Sciences Sociales”; “Cahiers d”Histoire”; “Continuity and Change”; “Journal of Social History”; “Social History”; “Sixteenth Century Journal”; “Journal of Modern History”; “The English Historical Review”; “H-net”; H-Women”; “L'Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft”; “Cuadernos de Historia Moderna”; “Atlantic”; “History Today”; “History: Reviews of New Books”; “Reviews in History”, “BBC History Magazine”, etc.). Numerose anche le interviste all’autrice e le recensioni su giornali e settimanali, tra cui spicca quella di Natalia Aspesi nella pagina centrale di “Repubblica” (9/03/2000).

 

Hanno avuto varie recensioni, in Italia e all’estero, pure il volume Nubili e celibi tra scelta a costrizione, co-curato con Margareth Lanzinger e pubblicato da Forum nel 2006 (“Journal of Modern Italian Studies”; “Gender and History”) e il volume Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, edito da Ediesse nel 2010 (“Clio. Femmes, Genre, Histoire”; “Genre & Histoire”; “Rassegna Italiana di Sociologia”, etc.), oggetto di interesse anche da parte dei mass-media e all”origine di interviste radiofoniche e trasmissioni televisive (particolarmente significative la partecipazione a “Fahrenheit” di Radio3 e a “Il tempo e la storia” di Rai3).

 

Se il suo libro Vita di casa è stato un dei primi libri italiani di storia ad essere pubblicato anche online (www.laterza.it/vitadicasa), di recente si è confrontata con la pubblicazione di un libro online in open access, Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni, vol. I, Teorie e dibattiti (il secondo volume è in cantiere).

 

 

Partecipazione a gruppi di ricerca e organizzazione di convegni e altri momenti di confronto (dal 2000 in poi)

 

Oltre a perseguire le sue ricerche individuali, si è impegnata a stimolare e sviluppare lo scambio e la collaborazione tra studiosi partecipando a gruppi di lavoro, elaborando progetti di ricerca, organizzando panels, seminari e convegni.

 

 

Progetti sul lavoro domestico e di cura

 

È stata una delle quattro promotrici del cosiddetto “Servant Project” (The socio-economic role of domestic service as a factor of European identity), un progetto di network finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del V programma quadro che ha coinvolto una ventina di università e centri di ricerca europei. Di questo progetto ha scritto, insieme a Suzy Pasleau e Isabelle Schopp, il Rapporto Finale. Ha inoltre collaborato con queste due colleghe nella curatela dei Proceedings del progetto stesso, pubblicati in 5 voll. dalle Éditions de l’Université de Liège, dei quali ha inoltre scritto l’Introduzione, tre saggi e la Conclusione.

 

Ha organizzato numerosi panels in congressi nazionali e internazionali, molti dei quali sono all’origine di successive pubblicazioni, in particolare quelli svoltisi nell’ambito di diverse edizioni della European Social Science History Conference (ESSHC). In questo senso, uno dei panels organizzati sul servizio domestico all’edizione di L’Aia del 2002 è all’origine del Forum: Domestic service since 1750, apparso in “Gender and History” (vol. 18, 2006, n. 2); i papers presentati alla sessione organizzata a Berlino (2004) arricchiti da altri saggi, sono usciti nel volume Servants, Domestic Workers and Children (“Paedagogica Historica”, vol. 43, 2007, n. 4), curato insieme a Patrizia Delpiano; quelli presentati al panel Male Domestic Workers: Past and Present in Comparative Perspective, organizzato con Francesca Scrinzi nell’ambito dell’edizione di Lisbona (2008), sono apparsi, insieme ad altri articoli, in un numero monografico della rivista “Men and Masculinities” su Men in a Woman’s Job. Male domestic workers, migration and the globalization of care (vol. 13, 2010, n. 1) curato dalle due organizzatrici.

Inoltre, la sessione su Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi che ha organizzato, a Firenze, con Jacqueline Andall, nell’ambito del Terzo Congresso della Società Italiana delle Storiche (2003), è stata all’origine della pubblicazione del volume Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi (fascicolo monografico di “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 18, 2004, n. 1).

 

In tema di lavoro domestico salariato, ha partecipato anche al progetto di ricerca Cofin 2004 su Nazionalità, genere e classe nel nuovo lavoro domestico. Cambiamenti nella famiglia italiana ed evoluzione dei sistemi migratori, pubblicando, nell’ambito del volume che ne raccoglie i risultati, un saggio sui lavoratori domestici maschi (La costruzione dell’identità di genere nei lavoratori domestici, in Badanti & Co. Il lavoro domestico straniero in Italia a cura di Raimondo Catanzaro e Asher Colombo, Bologna, Il Mulino, 2009).

 

Sul lavoro domestico ha organizzato la giornata di studio Lavoro domestico: quali diritti? Una riflessione a cinquant’anni dalla legge 2 aprile 1958, n. 339 “Per la tutela del lavoro domestico”, Urbino, 26 settembre 2008. Gli atti della giornata di studio, arricchiti di altri saggi e dei risultati di una ricerca il cui progetto è nato proprio dal confronto tenutosi durante l’incontro urbinate, sono stati pubblicati nel volume, a sua cura, Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, Roma, Ediesse, 2010.

 

Quest’ultima, ideata e realizzata da Raffaella Sarti con la collaborazione di Elena De Marchi, ha riguardato gli interventi degli enti locali relativi alle assistenti familiari (le cosiddette “badanti”) ed è stata finanziata dalla maggior associazione italiana di lavoratrici domestiche, Acli-Colf, con cui si è istaurato un rapporto di collaborazione che si è tradotto nella realizzazione di altri progetti: Colf d’Italia: 150 anni di lavoro domestico per raccontare l'Italia che cura (che ha avuto una certa eco anche sulla stampa, e in occasione della presentazione pubblica è stato salutato da un biglietto del Presidente della Repubblica Napolitano) e poi il progetto, attualmente in corso, Viaggio nel lavoro di cura.

 

È peraltro intervenuta sul tema dell’assistenza pubblica e privata, in questo caso in una prospettiva di comparazione europea, anche nell’ambito del progetto COST Gender and Well-Being: Work, Family and Public Policies (European Science Foundation, European Cooperation in the field of Scientific and Technical Research, COST action A 34; vedasi il paper Family strategies between private and public services (Europe, 1950-2000).

 

In due occasioni, nel 2003 e nel 2014, è stata invitata a Bruxelles a presentare e discutere i risultati delle ricerche sul lavoro domestico, nel primo caso presso la Commissione Europea e nel secondo caso presso l’Efsi (European Federation for Services to Individuals).

 

Il tema del lavoro domestico, pagato e no, e in particolare la complessa questione della definizione di ciò che è/non è considerato come “lavoro”, sono al centro del suo contributo al progetto Travail en famille, travail non rémunéré. Formes et acteurs du travail domestique productif en Europe (XVe-XXIe siècle), coordinato da Anna Bellavitis (Université de Rouen), Manuela Martini (Université Paris Diderot-Paris 7) e, dal 2013, dalla stessa Raffaella Sarti, progetto il cui finanziatore principale (ma non unico) è l’École française de Rome.

 

Se nell’ambito del progetto Cantiere Mediterraneo (Università degli Studi di Urbino e Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro) ha focalizzato l’attenzione soprattutto sui rapporti tra lavoro domestico, processi migratori e ciclo di vita, la sfera domestica, in questo caso in una prospettiva di storia della mascolinità, è al centro anche del progetto Men at Home (vedasi infra).

 

Svilupperà alcune nuove tematiche relative a ciclo di vita, identità di genere e rapporti tra assistenza prestata in famiglia e assistenza pubblica in un’ ottica di lungo periodo (1500-1900) e comparativa a tra Europa mediterranea e centro-settentrionale grazie alla partecipazione al progetto Familia, desigualdad social y cambio generacional en la España centro-meridional, 1700-1900 coordinato da Francisco Garcia Gonzalez (Albacete, Universidad de Castilla-La Mancha) e finanziato dal Ministerio de la Universidad spagnolo (2014-2018).

 

 

Men at home

 

L’interesse per la sfera domestica, per i lavoratori domestici di sesso maschile e più in generale per il ruolo domestico dei diversi componenti dei nuclei familiari si è tradotto, oltre che in vari lavori individuali, nell’organizzazione del simposio Men at Home. Authority, Domesticity, Sexuality and Household Production tenutosi a Urbino nell’aprile 2014 e co-finanziato dall’ateneo urbinate e dalla rivista “Gender and History”. Il simposio ha costituito il primo passo verso la pubblicazione di uno special issue di “Gender and History”, curato da Raffaella Sarti, dal titolo Men at Home: Domesticities, Authority, Emotions and Work (13th – 20th Centuries) (vol. 27, n. 3 novembre 2015).

 


Progetti su nubilato e celibato

 

Un altro fronte di ricerca coltivato negli ultimi anni e che ha dato origine a varie pubblicazioni collettanee è quello della storia del celibato e nubilato. In merito Sarti ha organizzato, a Firenze, nel 2003, con Margareth Lanzinger, una sessione su Celibi e Nubili tra scelta e costrizione nell’ambito del Congresso della Società Italiana di Demografia Storica dedicato a Matrimonio e famiglia in Italia.

 

Tale tema di indagine è stato poi sviluppato dai partecipanti dall’unità di ricerca di Urbino, diretta dalla stessa Raffaella Sarti e impegnata a indagare Nubilato, celibato e “famiglie”. Il caso italiano in prospettiva comparata, secc. XV-XX, nell’ambito del progetto di ricerca nazionale Cofin 2005 su Storia della famiglia. Costanti e varianti in una prospettiva europea, secoli XV-XX. Nell’ambito di tale progetto Sarti ha organizzato il convegno Nubili, celibi, ‘famiglie’. Studi condotti, risultati raggiunti, prospettive di ricerca (secoli XVI-XX), 3-4 ottobre 2008, Palazzo Albani, Urbino.

 

Da questo filone di lavoro sono scaturiti il volume, curato con Margareth Lanzinger, Nubili e celibi tra scelta e costrizione (secc. XVI-XIX), Udine, Forum, 2006 (ma 2007) e il fascicolo monografico della rivista “European History Quarterly” Unmarried Lives. Italy and Europe, 16th to 19th centuries (vol. 38, 2008, n. 3), curato con la stessa Lanzinger e Silvia Evangelisti.

 

Sui temi del Matrimonio, Nubilato, Celibato ha infine organizzato un seminario nell’ambito del dottorato di ricerca bolognese in Storia e geografia d'Europa intitolato Fare e disfare famiglia. Relazioni di coppia in Italia in età moderna e contemporanea (i cui atti sono apparsi su “Storicamente”, 2010, n. 6).

 

È intervenuta sui temi del nubilato e del celibato nell’ambito della 9a European Social Science History Conference (Glasgow, 11-14 aprile 2012) e del seminario El Debate actual de la Familia en las ciencias sociales tenutosi a Murcia il 10 maggio 2012.



La fanciulla di Spinges – Das Mädchen von Spinges

 

Insieme a Margareth Lanzinger ha lavorato ad un progetto – finanziato dall’Archivio provinciale dell’Alto Adige/Südtiroler Landesarchiv – sulla fortuna della cosiddetta “Fanciulla di Spinges” (Mädchen von Spinges), un’eroina tirolese delle lotte antinapoleoniche identificata, a partire dal 1870, con una donna chiamata Katharina Lanz 1771-1854). Alcuni contributi sull’argomento, in italiano, tedesco e bulgaro, sono usciti tra 2009 e 2011 (per i quali si rimanda alla sezione Pubblicazioni e tesi di dottorato).



Partecipazione a redazioni di riviste e comitati editoriali, a comitati scientifici di collane

 

Socia fondatrice, nel 1989, della Società Italiana delle Storiche, per circa dieci anni ha fatto parte della redazione di “Agenda. Bollettino della Società Italiana delle Storiche” (1990-1999). Dal 1998 al 2003 ha fatto parte della redazione di “Genesis. Rivista della Società Italiana delle Storiche” (rivista di fascia A), di cui – con Maura Palazzi e Simonetta Soldani – ha curato il primo fascicolo, dedicato al tema Patrie e Appartenenze (vol. 1, 2002, n. 1).

 

Dal 1998 al 2003 ha fatto parte del comitato editoriale delle “Letture urbinati di politica e storia”.

 

Dal 2004 al 2011 ha partecipato al comitato di direzione di “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia” (rivista di fascia A).

 

Attualmente fa parte dell’editorial collective di “Gender and History” (dal 2004, rivista di fascia A) e della redazione di “Qualificare” (dal 2009).

 

* * *

 

Dal 2008 al 2011 ha partecipato al comitato scientifico di “Prisma”, rivista dell’Ires Marche.

 

Dal 2012 è membro del comitato scientifico di “L’Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft”.

 

* * *

 

Dal 2010 fa parte del comitato scientifico della collana di Storia delle donne e di genere pubblicata dalla casa editrice Viella e dalla Società Italiana delle Storiche, comitato di cui è stata coordinatrice nel 2010-2011 e nel 2014-2015.



Attività di consulenza, valutazione e peer review

 

Svolge un’intensa attività di valutazione e peer review, in Italia e all’estero, per riviste, case editrici, agenzie erogatrici di finanziamenti (vedasi in merito la sezione Curriculum vitae dettagliato, punti 14-15-16).



Conoscenze linguistiche

 

Ama le lingue straniere; parla, legge e scrive in inglese, francese, tedesco e spagnolo, legge in portoghese e ha cominciato di recente lo studio del russo.


* * *

 

Pubblicazioni e tesi di dottorato / Publications and Ph.D. thesis

 

Tesi di dottorato / Ph.D. thesis

 

1.    Per una storia del personale domestico in Italia. Il caso di Bologna (secc. XVIII-XIX), Università di Torino, 1994, pp. I-XXVII, 1-303.

 

 

Volumi (come autrice o curatrice) / Books (authored and edited)

 

2.    Vita di casa. Abitare, mangiare e vestire nell’Europa moderna, Roma-Bari, Laterza, 1999, pp. I-XVI, 1-356 (collana “Storia e Società”)

 

Edizioni successive e traduzioni / Further editions and translations

§  Roma-Bari, Laterza, 2000 (collana “Storia e Società” / Series  “Storia e Società”).

§  Milano, Edizione Mondolibri, 2000.

§  Milano, Edizione Mondolibri, 2001

§  Roma-Bari, Laterza, 2003 (collana “i Robinson/Letture, ed. riveduta, corretta e ampliata nel testo ma con apparato di note ridotto nella versione cartacea; disponibile anche online, in questo caso con ampio apparato di note: www.laterza.it/vitadicasa) / (revised and expanded Italian edition, also published online: www.laterza.it/vitadicasa).

§  Roma-Bari, Laterza, 2004 (collana “i Robinson/Letture” / Series “i Robinson/Letture”).

§  Roma-Bari, Laterza, 2006 (collana “Economica Laterza”  / Series “Economica Laterza”).

§  Roma-Bari, Laterza, 2008 (collana “Economica Laterza” / Series “Economica Laterza”).

§  Edizione speciale per “il Giornale”, Mondadori Printing, 2008 / Special Edition for the newspaper Il Giornale, Mondadori Printing, 2008.

§  Roma-Bari, Laterza, 2011 (collana “Economica Laterza” / Series “Economica Laterza”).

 

§  Traduzione portoghese / Portuguese translation: Casa e Família. Habitar, Comer, Vestir na Europa Moderna, Lisbona, Editorial Estampa, 2001 (traduttrice / translated by: Isabel Santos).

§  Traduzione inglese / English translation: Europe at Home. Family and Material culture 1500-1800, New Haven-London, Yale University Press, 2002 (traduttore / translated by: Allan Cameron; errata corrige)

§  Traduzione spagnola / Spanish translation: Vida en familia. Casa, comida y vestido en la Europa moderna, Barcelona, Crítica, 2002 (traduttore / translated by: Juan Vivanco).

§  Traduzione olandese / Dutch translation: Thuis In Europa. Wonen, Eten en Kleden in Europa van 1500 tot 1800, Rotterdam, Ad Donker, 2004 (traduttrice / translated by: Els Naaijkens).

§  Traduzione croata / Croatian translation: Živjeti u kući: Stanovanje, prehrana i oblačenje u novovjekovnoj Europi: (1500.-1800.), Zagreb, Ibis grafika, 2006 (traduttrice / translated by: Ana Badurina).

 

3.    Proceedings of the Servant Project, a cura di / edited by Isabelle Schopp & Suzy Pasleau, con / with Raffaella Sarti, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005, 5 voll. / 5 vols.

 

4.    Nubili e celibi tra scelta e costrizione (secc. XVI-XIX), a cura di / edited by Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, Udine, Forum, Collana della Società Italiana di Demografia Storica, 2006.

 

5.    Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, a cura di / edited by Raffaella Sarti, Roma, Ediesse, 2010.

 

6.    Potere e violenza. Concezioni e pratiche dall’antichità all’età contemporanea, a cura di / edited by Glauco Cantarella, Angela De Benedictis, Patrizia Dogliani, Carla Salvaterra & Raffaella Sarti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2012.

 

7.    Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni, vol. I, Teorie e dibattiti, Collana dei “Quaderni” di “Scienza & Politica”, Quaderno n. 2, 2015, pp. 1-248, Bologna, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, 2015 / Supplements of “Scienza & Politica”, Supplement n. 2, 2015, pp. 1-248 (Bologna: Alma Mater Studiorum Università di Bologna, 2015) (ISBN 9788898010295).

 

 

Curatele di fascicoli e sezioni monografiche di riviste / Special issues and edited sections of journals

 

8.    Patrie e Appartenenze, a cura di / edited by Maura Palazzi, Raffaella Sarti & Simonetta Soldani, primo numero di / first issue of “Genesis. Rivista della Società Italiana delle Storiche”, vol. 1, 2002, n. 1.

 

9.    Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi, a cura di / edited by Jacqueline Andall & Raffaella Sarti, fascicolo monografico di / special issue of “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 18, 2004, n. 1.

 

10. Forum: Domestic service since 1750, a cura di / edited by Raffaella Sarti, in “Gender and History”, vol. 18, 2006, n. 2, pp. 187-245.

 

11. Servants, Domestic Workers and Children, a cura di / edited by Patrizia Delpiano & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of “Paedagogica Historica”, vol. 43, 2007, n. 4.

 

12. Unmarried lives. Italy and Europe, 16th to 19th centuries a cura di / edited by Silvia Evangelisti, Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of “European History Quarterly”, vol. 38, 2008, n. 3.

 

13. Fare e disfare famiglia. Relazioni di coppia in Italia in età moderna e contemporanea, a cura di / edited by Raffaella Sarti, dossier di / dossier of “Storicamente”, 2010, n. 6.

 

14. Men in a Woman’s Job: Male Domestic Workers, International Migration and the Globalization of Care, a cura di / edited by Raffaella Sarti & Francesca Scrinzi, numero monografico di / special issue of “Men and Masculinities”, vol. 13, 2010, n. 1.

 

15. Men at Home: Domesticities, Authority, Emotions and Work, a cura di / edited by Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of “Gender & History”, vol. 27, 2015, n. 3.

 

16. Familles laborieuses. Rémunération, transmission et apprentissage dans les ateliers familiaux de la fin du Moyen Âge à l’époque contemporaine en Europe, a cura di / edited by Anna Bellavitis, Manuela Martini & Raffaella Sarti, sezione monografica di / special section of  “Mélanges de l’École française de Rome. Italie et Méditerranée modernes et contemporaines”, vol. 128, 2016, n. 1 (ISBN 978-2-7283-1190-3).

 


Articoli su riviste e saggi in volumi collettanei / Journal articles and book chapters

 

1990

1.    “La donzella che serve instruita’: norme e modelli di comportamento per il personale domestico femminile tra XVII e XVIII secolo, in Istituto Internazionale di Storia Economica “F. Datini” - Prato, La donna nell’economia, secc. XIII-XVIII, a cura di / edited by Simonetta Cavaciocchi, Firenze, Le Monnier, 1990, pp. 613-620.

 

1991

2.    Obbedienti e fedeli. Note sull’istruzione morale e religiosa di servi e serve tra Cinque e Settecento, in “Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento”, vol. 17, 1991, pp. 91-120.

 

1992

3.    Servire al femminile, servire al maschile nella Bologna sette-ottocentesca, in Comune di Carpi, Operaie, serve, maestre, impiegate, a cura di / edited by Paola Nava, Torino, Rosenberg & Sellier, 1992, pp. 237-264.

 

4.    Tesi e discussione di laurea nell’Ateneo di Bologna: aspetti didattici, istituzionali, sociali ed economici, in Marzio Barbagli, Vittorio Capecchi, Rosella Rettaroli, Raffaella Sarti & Paolo Turi, Professori e studenti dell’Università di Bologna, a cura di / edited by Marzio Barbagli & Vittorio Capecchi, 2 vols., I vol.: Gli studenti, pp. 95-195, Regione Emilia Romagna, Assessorato Formazione professionale, lavoro, scuola e università, Osservatorio del mercato del lavoro, Quaderni di ricerca, 5 1992.

 

1994

5.    Zita, serva e santa. Un modello da imitare?, in Giulia Barone, Marina Caffiero & Francesco Scorza Barcellona (a cura di / eds.), Modelli di santità e modelli di comportamento. Contrasti, intersezioni, complementarità, Torino, Rosenberg & Sellier, 1994, pp. 307-359.

 

1995

6.    Spazi domestici e identità di genere tra età moderna e contemporanea, in Dianella Gagliani & Mariuccia Salvati (a cura di / eds.), Donne e spazio nel processo di modernizzazione, Bologna, Clueb, 1995, pp. 13-41.

 

1996

7.    Dai servi alle serve. Caratteristiche e implicazioni della femminilizzazione del servizio domestico tra età moderna e contemporanea, in Società Italiana delle Storiche, Identità e appartenenza. Donne e relazioni di genere dal mondo classico all’età contemporanea. Primo Congresso delle Storiche Italiane, Rimini, 8-10 giugno 1995, Bologna, Eurocopy, 1996, Floppy disk No 2.

 

8.    Giovani storiche e università, in “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 17, 1996, pp. 8-23.

 

1997

9.    Il servizio domestico: un canale di mobilità sociale? Il caso di Bologna (fine ’700-inizio ’900), in Società Italiana di Demografia Storica, Disuguaglianze: stratificazione e mobilità sociale nelle popolazioni italiane (dal secolo XIV agli inizi del secolo XX). Relazioni e comunicazioni presentate da autori italiani al II congré Hispano Luso Italià de Demografía Histórica, Savona, 18-21 novembre 1992, Bologna, Clueb, 1997, vol. I, pp. 145-167.

 

10. Notes on the feminization of domestic service. Bologna as a case study (18th-19th Centuries), in Antoinette Fauve-Chamoux & Ludmila Fialová (a cura di / eds.), Le phénomène de la domesticité en Europe, XVIe-XXe siècles (Acta Demographica, XIII, Praga, 1997), Praha, Ceská Demografická Sociologický Ústav av CR, pp. 125-163.

 

11. Il servizio domestico come problema storiografico, in “Storia e Problemi Contemporanei”, n. 20, 1997, pp. 159-184.

 

1999

12. L’Università dei Servitori di Bologna, secc. XVII-XIX, in Alberto Guenzi, Paola Massa & Angelo Moioli (a cura di / eds.), Corporazioni e Gruppi Professionali nell’Italia Moderna, Milano, Angeli, 1999, pp. 717-754.

 

13. Viaggiatrici per forza. Schiave ‘turche’ in Italia in età moderna, in Società Italiana delle Storiche, Altrove. Viaggi di donne dall’antichità al Novecento, a cura di / edited by Dinora Corsi, Roma, Viella, 1999, pp. 241-296.

 

14. Comparir con “equipaggio in scena”. Servizio domestico e prestigio nobiliare (Bologna, fine XVII-inizio XX secolo), in “Cheiron”, vol. 16, 1999, nn. 31-32, pp. 133-169.

 

2000

15. Esclavitud y religión en la Italia de la Edad Moderna, in “Arenal”, vol. 7, 2000, numero speciale sulla schiavitù / special issue on slavery, a cura di / edited by Aurelia Martín Casares, pp. 63-122.

 

16. Quali diritti per “la donna”? Servizio domestico e identità di genere dalla Rivoluzione francese a oggi, Bologna, S.I.P., 2000.

 

2001

17. Telling Zita’s tale. Holy servants’ stories and servants’ history, in Regina Schulte e Pothiti Hantzaroula (a cura di / eds.), Narratives of the Servant (Firenze, EUI Working papers, 2001), pp. 1-30.

 

18. Material conditions of family life, in Marzio Barbagli, David I. Kertzer (a cura di / eds.), Family Life in Early Modern Times 1500-1789, New Haven and London, Yale University Press, 2001, pp. 3-23 e 288-293.

§  ed. it./ Ital. ed. Condizioni materiali della vita familiare, in Marzio Barbagli, David I. Kertzer (a cura di / eds.), Storia della famiglia in Europa dal Cinquecento alla Rivoluzione francese, Roma-Bari, Laterza, 2002, pp. 5-33;

§  trad. spagnola / Spanish transl. Las condiciones materiales de la vida familiar, in Marzio Barbagli, David I. Kertzer (a cura di / eds.), La vida familiar a principios de la era moderna 1500-1789. Historia de la familia europea, Volumen I, Paidós, Barcelona, 2002;

§  trad. tedesca / German transl. in Marzio Barbagli, David I. Kertzer (a cura di / eds.), Die Geschichte der Familie, Bd.1: Frühe Neuzeit 1500-1789, Düsseldorf, Patmos, 2007.

 

19. Bolognesi schiavi dei “Turchi” e schiavi “turchi” a Bologna tra Cinque e Settecento: alterità etnico-religiosa e riduzione in schiavitù, in “Quaderni storici”, n. 107, 2001, pp. 437-473.

 

20. La domesticité durant la période du fascisme (1922-1943), in “Sextant”, numero speciale su / special issue on Domesticité, a cura di / edited by Eliane Gubin & Valérie Piette, nn. 15-16, 2001, pp. 165-202 (link al numero speciale-testo completo / link to the special issue).

 

2002

21. Introduzione (con / with Maura Palazzi / Simonetta Soldani), in Patrie e Appartenenze, a cura di / edited by Maura Palazzi, Raffaella Sarti & Simonetta Soldani, numero monografico di / special issue of “Genesis. Rivista della Società italiana delle Storiche”, vol. 1, 2002, n. 1, pp. 5-22.

 

22. Tra Südtirol e Alto Adige. Voci da una terra di confine (con / with Margareth Lanzinger), in Patrie e Appartenenze, a cura di / edited by Maura Palazzi, Raffaella Sarti &  Simonetta Soldani, numero monografico di / special issue of  “Genesis. Rivista della Società italiana delle Storiche”, vol. 1, 2002, n. 1, pp. 157-186.

 

23. La génèse de ‘Genesis’, in “Clio, Histoire, Femmes et Sociétés”, vol. 16, 2002, pp. 77-92.

 

2003

24. Hagiographie, soziale Kontrolle und weibliche Rollen, in Christiane Bender (a cura di / ed.), Frauen – Religion – Beruf. Zur religiösen Konstruktion der Geschlechterdifferenz, Konstanz, UVK, 2003, pp. 39-60.

 

25. Uomini e donne in cucina in età moderna, in Comune di Forlimpopoli, La cucina di casa in Italia, dal medioevo ad oggi, Festa Artusiana, Sesta edizione, Atti del convegno scientifico con spettacolo e uso di cucina, Forlimpopoli, 22 giugno 2002, pubblicazione online / online publication.

 

26. La Società Italiana delle Storiche: réseau d’historiennes, réseau d’histoire des femmes, in “Bulletin d’Information de l’Association pour le développement de l’histoire des femmes et du genre Mnémosyne”, n. 2, Juin 2003, pp. 45-52.

 

27. Oltre il gender? Un percorso tra recenti studi italiani di storia economico-sociale, in Anna Rossi-Doria (a cura di / ed.), A che punto è la storia delle donne in Italia, Roma, Viella, 2003, pp. 93-144.

 

2004

28. Le trasformazioni del servizio domestico in Italia: un’introduzione (con / with Jacqueline Andall), in Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi, a cura di / edited by Jacqueline Andall & Raffaella Sarti, fascicolo monografico di / special issue of “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 18, 2004, n. 1, pp. 5-16.

 

29. “Noi abbiamo visto tante città, abbiamo un’altra cultura”. Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia: uno sguardo di lungo periodo, in Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi, a cura di / edited by Jacqueline Andall & Raffaella Sarti, fascicolo monografico di / special issue of “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 18, 2004, n. 1, pp. 17-46.

 

30. Al di là del gender? Femminismo e storia delle donne: qualche spunto di riflessione, in “Zapruder. Storie in movimento”, vol. 5, 2004, pp. 140-145.

 

31. Vita di casa. Famiglia e cultura materiale in età moderna, in Ruggero Simonato et alii, Europa quotidiana, Pordenone, Istituto Regionale di Studi del Friuli Venezia Giulia (IRSE), 2004, pp. 69-116.

 

2005

32. Donne di palazzo: mediatrici a tutto tondo, in Angela Giallongo (a cura di / ed.), Donne di palazzo nelle corti europee, Milano, Unicopli, 2005, pp. 263-277.

 

33. Da serva a operaia? Trasformazioni di lungo periodo del servizio domestico in Europa, in “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 19, 2005, n. 1, pp. 91-120 (clicca qui per scaricare la versione word; per l'abstract dell'articolo invece consulta la pagina relativa su www.rivisteweb.it).

 

34. Civiltà della casa, in Pepi Merisio, Raffaella Sarti & Paolo Cornaglia, Civiltà della casa, Roma, Ecra, 2005, pp. 9-13.

 

35. Servitori, domestiche, badanti. Lavoro domestico e di cura dal Cinquecento ad oggi. Scambi e interdipendenze, in Alessandro Battel et alii, Intrecci al femminile. Per una lettura della storia incontro tra culture, Pordenone, Istituto Regionale di Studi del Friuli Venezia Giulia (IRSE), Edizioni Concordia Sette, 2005, pp. 69-96.

 

36. The True Servant. Self-definition of Male Domestics in an Italian City (Bologna, 17th-19th Centuries), in “The History of the Family”, vol. 10, 2005, pp. 407-433.

 

2006

37. Postfazione, in Ursula Lüfter, Martha Verdorfer & Adelina Wallnöfer, Wie die Schwalben fliegen sie aus. Südtirolerinnen als Dienstmädchen in italienischen Städten 1920-1960, Bozen, Raetia-Verlag, 2006, pp. 387-394.

 

38. Lavoro in casa, lavoro fuori casa: riflessioni del tardo Ottocento e di inizio Novecento, “Economia & Lavoro”, XL, 2006, n. 1, pp. 129-146.

 

39. Introduction to the Proceedings of the Servant Project, in Suzy Pasleau & Isabelle Schopp (a cura di / eds.), con / with Raffaella Sarti, Proceedings of the Servant Project, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005 (but 2006), 5 voll./ 5 vols., vol. I, pp. XV-XXX.

 

40. Who are Servants? Defining Domestic Service in Western Europe (16th-21st Centuries), in Suzy Pasleau & Isabelle Schopp (a cura di / eds.), con / with Raffaella Sarti, Proceedings of the Servant Project, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005 (but 2006), 5 voll. / 5 vols., vol. II, pp. 3-59 (click here)

 

41. Freedom and Citizenship? Legal Status of Servants and Domestic Workers in a Comparative Perspective (16th-21st Centuries), in Suzy Pasleau & Isabelle Schopp (a cura di / eds.), con / with Raffaella Sarti, Proceedings of the Servant Project, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005, 5 voll. / 5 vols., vol. III, pp. 127-164;

 

pubblicato anche / also published in Victor Crescenzi (a cura di / ed.), Libertà e lavoro, numero monografico di / special issue of  “Diritto romano attuale”, vol. 15, 2006, pp. 163-202.

 

42. Domestic Service as a “Bridging Occupation”. Past and Present, in Suzy Pasleau & Isabelle Schopp (a cura di / eds.), con / with Raffaella Sarti, Proceedings of the Servant Project, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005, 5 vols., vol. IV, pp. 163-185.

 

43. Conclusion. Domestic Service and European Identity, in Suzy Pasleau & Isabelle Schopp (a cura di / eds.), con / with Raffaella Sarti, Proceedings of the Servant Project, Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005, 5 vols., pp. 195-284 (click here).

 

44. Introduction, in Forum: Domestic service since 1750, a cura di / edited by Raffaella Sarti, in “Gender and History”, vol. 18, 2006, n. 2, pp. 187-198.

 

45. Domestic Service: Past and Present in Southern and Northern Europe in Forum: Domestic service since 1750, a cura di / edited by Raffaella Sarti, in “Gender and History”, vol. 18, 2006, n. 2, pp. 222-245.

 

46. Cultura materiale e qualità della vita nell’Europa moderna, in “Incontri”, 2006/2.

 

47. “Die meisten von uns haben sogar eine höhere Bildung...”. Neue DienstbotInnen in Südeuropa im Zeitalter der Globalisierung, in “L’Homme. Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft”, vol. 17, 2006, n. 2, pp. 107-117.

 

48. Premessa (con / with Margareth Lanzinger) in Nubili e celibi tra scelta e costrizione (secc. XVI-XX), a cura di / edited by Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, Udine, Forum, 2006, pp. 7-9.

 

49. Nubili e celibi tra scelta e costrizione. I percorsi di Clio, in Nubili e celibi tra scelta e costrizione (secc. XVI-XX), a cura di / edited by Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, Udine, Forum, 2006, pp. 144-319.

 

2007

50. Legenden von der Heiligen Zita und Dienstbotengeschichte, in “L’Homme. Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft”, vol. 18, 2007, n. 1, pp. 11-32.

 

51. Introduction (con / with Patrizia Delpiano), in Servants, Domestic Workers and Children, a cura di / edited by Patrizia Delpiano & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of  “Paedagogica Historica”, vol. 43, 2007, n. 4, pp. 485-491.

 

52. Dangerous liaisons. Servants as “children” taught by their masters and as “teachers” of their masters’ children (Italy and France, 16th-20th centuries), in Servants, Domestic Workers and Children, a cura di / edited by Patrizia Delpiano & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of  “Paedagogica Historica”, vol. 43, 2007, n. 4, pp. 565-587.

 

53. Criados, servi, domestiques, Gesinde, servants: for a comparative history of domestic service in Europe (16th-19th centuries), in “Obradoiro de Historia Moderna”, n. 16, 2007, pp. 9-39.

 

54. Graffitari d’antan. A proposito dello scrivere sui muri in prospettiva storica, in “Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia”, vol. 21, 2007, n. 3, pp. 399-428.

 

55. Variations sur le thème de la dépendance: femmes et domestiques entre Ancien régime et modernité, in “Cahiers du Centre de Recherches Historiques, 2007, n. 40, pp. 99-109.

 

56. Contando o conto de Zita: as estórias dos servos sagrados e a história dos servos, in “Varia Historia”, vol. 23, 2007, n. 38, pp. 464-489 (traduz. portoghese, con qualche lieve cambiamento, di Telling Zita’s tale, vedi supra, pubblicazioni del 2001 / Portuguese translation, with little corrections of Telling Zita’s tale, see above, publication of the year 2001).

 

2008

57. The Globalisation of Domestic Service - An Historical Perspective, in Helma Lutz (a cura di / ed.), Migration and Domestic Work: A European Perspective on a Global Theme, Aldershot, Ashgate, 2008, pp. 77-98.

 

58. Introduction (con Silvia Evangelisti e Margareth Lanzinger), in Unmarried lives. Italy and Europe, 16th to 19th centuries, a cura di / edited by Silvia Evangelisti, Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of  “European History Quarterly”, vol. 38, 2008, pp. 365-374.

 

59. ‘All masters discourage the marrying of their male servants, and admit not by any means the marriage of the female’: Domestic Service and Celibacy in Western Europe from the Sixteenth to the Nineteenth Century, in Unmarried lives. Italy and Europe, 16th to 19th centuries, a cura di / edited by Silvia Evangelisti, Margareth Lanzinger & Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of  “European History Quarterly”, vol. 38, 2008, pp. 417-449.

 

60. Streghe, serve e... storiche. Qualche spunto di riflessione su storia di genere e stregoneria in “Storicamente. Studi e ricerche”, 4, 2008, pubblicazione online / online publication.

 

61. ‘Ho bisogno di te’. La protesta degli anziani per la regolarizzazione di carers e lavoratori domestici “clandestini” (Italia, 2001-2002), in Dones en moviment(s). Segles XVIII-XXI, a cura di / edited by Cristina Borderías & Mercè Renom, Barcellona, Icaria, 2008, pp. 165-194.

 

2009

62. Cultura materiale e consumi in Europa e nel Mediterraneo, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, dir. da / dir. by Alessandro Barbero, vol. 10, Ambiente, popolazione e società, a cura di / edited by Roberto Bizzocchi, Roma, Salerno, pp. 353-416.

 

63. Il servizio domestico dal dopoguerra a oggi (con / with Asher Colombo), in “Il Mulino”, gen.-febbr. 2009, pp. 164-169.

 

64. Come è cambiato il servizio domestico in Italia dagli anni Cinquanta ad oggi, (con / with Asher Colombo), in La fatica di cambiare. Rapporto sulla società italiana, a cura di / edited by Raimondo Catanzaro & Giuseppe Sciortino, Bologna, Il Mulino, 2009, pp. 81-99.

 

65. La costruzione dell’identità di genere nei lavoratori domestici, in Badanti & Co. Il lavoro domestico straniero in Italia, a cura di / edited by Raimondo Catanzaro & Asher Colombo, Bologna, Il Mulino, 2009, pp. 57-83.

Per errore il titolo è stato modificato a mia insaputa. Il titolo che avevo dato saggio era «Dove sono finito?» Lavoratori domestici maschi e costruzione delle identità di genere dall’inizio del Novecento a oggi).

 

66. La globalisation du service domestique dans une perspective historique, XVIIe-XXe siècles, in Genre et travail migrant. Mondes atlantiques, XIXe-XXe siècles, a cura di / edited by Manuela Martini & Philippe Rygiel, Paris, Publibook, 2009, pp. 53-82 (versione francese ampliata di The Globalisation of Domestic Service - An Historical Perspective, vedi pubblicazioni del 2008 / expanded French version of The Globalisation of Domestic Service - An Historical Perspective, see publications of the year 2008).

 

67. Tramonto di schiavitù. Sulle tracce degli ultimi schiavi presenti in Italia (sec. XIX), in Alle radici dell'Europa. Mori, giudei e zingari nei paesi del Mediterraneo occidentale (volume II: secoli XVIII e XIX), a cura di / edited by Felice Gambin, Seid, Firenze, 2009, pp. 281-297.

 

68. Renaissance Graffiti. The case of the Ducal Palace of Urbino, in Domestic Institutional Interiors in Early Modern Europe, a cura di / edited by Silvia Evangelisti & Sandra Cavallo, Aldershot, Ashgate, 2009, pp. 51-82.

 

69. Wie das „Mädchens von Spinges“ zu Katharina Lanz wurde. Das making einer Heldin aus den antinapoleonischen Kriegen (con Margareth Lanzinger), in Historische Anthropologie, vol. 17, 2009, 3, pp. 360-385.

 

2010

70. Fare e disfare famiglia. Introduzione, in Raffaella Sarti (a cura di / edited by), Fare e disfare famiglia. Relazioni di coppia in Italia in età moderna e contemporanea, dossier di / dossier of “Storicamente”, 2010, n. 6.

 

71. Introduction to the Special Issue: Men in a Woman’s Job, Male Domestic Workers, International Migration and the Globalization of Care, con / with Francesca Scrinzi, in Men in a Woman’s Job: Male Domestic Workers, International Migration and the Globalization of Care, a cura di / edited by Raffaella Sarti & Francesca Scrinzi, numero monografico di / special issue of “Men and Masculinities”, vol. 13, 2010, n. 1, pp. 4-15.

 

72. Fighting for Masculinity: Male Domestic Workers, Gender, and Migration in Italy from the Late Nineteenth Century to the Present, in Men in a Woman’s Job: Male Domestic Workers, International Migration and the Globalization of Care, a cura di / edited by Raffaella Sarti & Francesca Scrinzi, numero monografico di / special issue of  “Men and Masculinities”, vol. 13, 2010, n. 1, pp. 16-43.

 

73. (con Margareth Lanzinger), Katharina Lanz, combattente tirolese nella guerra antinapoleonica (1797): la costruzione di un’eroina, in Teatri di guerra. Rappresentazioni e discorsi tra età moderna ed età contemporanea, a cura di / edited by in Angela De Benedictis, con la collaborazione di / with the collaboration of Clizia Magoni, Bologna, Bononia University Press, 2010, pp. 265-294.

 

74. (con Margareth Lanzinger), Das „Mädchen von Spinges“ – eine facettenreiche Symbolfigur und ‚nützliche‘ Heldin, in Siglinde Clementi (a cura di / ed.), Zwischen Teilnahme und Ausgrenzung. Tirol um 1800. Vier Frauenbiographien, Innsbruck, Universitätsverlag Wagner, 2010 (Copyright Autonome Provinz Bozen – Südtirol/Provincia autonoma di Bolzano), pp. 13-70.

 

75. Who cares for me? Grandparents, nannies and babysitters caring for children in contemporary Italy, in “Paedagogica Historica”, vol. 46, 2010, n. 6, pp. 789-902.

 

76. Premessa, in Raffaella Sarti (a cura di / ed.), Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, Roma, Ediesse, 2010, pp. 11-13.

 

77. Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, in Raffaella Sarti (a cura di / ed.), Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, Roma, Ediesse, 2010, pp. 17-131.

 

78.  (con / with Elena De Marchi) Assistenza pubblica e privata. Un’analisi del ruolo degli enti locali, in Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, in Raffaella Sarti (a cura di / ed.), Lavoro domestico e di cura: quali diritti?, Roma, Ediesse, 2010, pp. 247-335.

 

2011

79. «È un paese da cucù». A proposito dei graffiti di Palazzo Ducale, in “UniurbPost”, 8 giugno 2011 / 8 June 2011.

 

80. (con / with Margareth Lanzinger), Как "Момичето от Шпингес" се превърна в Катарина Ланц Изобретяването на една героиня от антинаполеоновите войни, in Кристина Попова, Нурие Муратова (ed.), Архиви на жени и малцинства, ЮЗУ "Неофит Рилски", 2011 (ISBN 9789546807236; traduzione bulgara di / Bulgarian translation of Wie das „Mädchens von Spinges“ zu Katharina Lanz wurde, vedi supra, pubblicazioni del 2009 / se above, publication of 2009).

 

81. (con / with Andrea Pelizza), Dalle catene anglicane a quelle “turche”: conflitti religiosi e schiavitù nella vita di Giovanni Battista de Burgo e altri irlandesi del XVII secolo, in “ Oriente Moderno ”, n.s., vol. 91, 2011, n. 2, pp. 181-207.

 

2012

82. Serva, Colf, “Badante”: per una storia delle lavoratrici domestiche dall’Unità ad oggi Colf d’Italia: 150 anni di lavoro domestico per raccontare l'Italia che cura. Atti del Convegno, 18 novembre 2011, Roma, Palazzo Rospigliosi, Roma, Acli Colf, 2012, pp. 17-33.

 

83. Servo e/o cittadino? Il dibattito sui diritti politici dei domestici durante la Rivoluzione francese, in Potere e violenza. Concezioni e pratiche dall’antichità all’età contemporanea, a cura di / edited by Glauco Cantarella, Angela De Benedictis, Patrizia Dogliani, Carla Salvaterra, Raffaella Sarti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2012, pp. 71-93.

 

84. Melhor o cozinheiro? Um percurso sobre a dimensão de gênero da preparação da comida (Europa ocidental, séculos XVI-XIX), in “Cadernos Pagu”, vol. 39, 2012, pp. 87-158.

 

2013

85. Italia domestica. Breve storia del personale di servizio, in Badare non basta. Il lavoro di cura: attori, progetti, politiche, a cura di / edited by Sergio Pasquinelli, Giselda Rusmini, Roma, Ediesse, 2013, pp. 19-40.

 

86. Des hommes et des moustaches… Le combat pour la masculinité: travailleurs domestiques masculins, genre et migration en Italie de la fin du XIXe siècle à nos jours, in C. Verschuur, C. Catarino (eds.), Genre, migrations et globalisation de la reproduction sociale. Cahiers genre et développement N° 9, Paris, L’Harmattan, 2013, pp. 259-265 (traduz. francese del n. 72 / French transl. of n. 72).

 

2014

87. Promesse mancate e attese deluse. Spunti di riflessione su lavoro domestico e diritti in Italia, in Ariella Verrocchio e Elisabetta Vezzosi (a cura di / eds.), Il lavoro cambia, Trieste, Eut, 2014, pp. 55-77 (pubblicato anche online / available online: http://hdl.handle.net/10077/9764).

 

88. Historians, Social Scientists, Servants, and Domestic Workers: Fifty Years of Research on Domestic and Care Work , in “International Review of Social History”, vol. 59, 2014, pp. 279-314 (pubblicato anche /also published in Dirk Hoerder, Elise van Nederveen Meerkerk, Silke Neunsinger (a cura di / eds)., Towards a Global History of Domestic and Caregiving Workers, Leiden, Brill, 2015, pp. 25-60 (Book DOI: 10.1163/9789004280144;  ISBN13: 9789004280137; E-ISBN: 9789004280144; Article DOI: 10.1163/9789004280144_003).

 

2015

89.  ‘The Purgatory of Servants’: (In)Subordination, Wages, Gender and Marital Status of Servants in England and Italy in the Seventeenth and Eighteenth Centuries, in “Journal of Early Modern Studies”, n. 4 (2015), pp. 347-372 (DOI: http://dx.doi.org/10.13128/JEMS-2279-7149-15814).

 

90. Men at Home: Domesticities, Authority, Emotions and Work (Thirteenth–Twentieth Centuries), in Men at Home: Domesticities, Authority, Emotions and Work, a cura di / edited by Raffaella Sarti, numero monografico di / special issue of “Gender & History”, vol. 27, 2015, n. 3, pp. 521–558 (DOI: DOI: 10.1111/1468-0424.12170).

 

91. Ländliche Hauslandschaften in Europa in einer Langzeitperspektive, in Das Haus in der Geschichte Europas. Ein Handbuch, a cura di / edited by Joachim Eibach & Inken Schmidt-Voges, con / together with Simone Derix, Philip Hahn,  Elizabeth Harding, Margareth Lanzinger, red. Roman Bonderer, Berlin-Boston, De Gruyter Oldenbourg, pp. 175-194 (ISBN (Online): 9783110358988; ISBN (hardcopy): 978-3-11-035888-9; DOI (Chapter): 10.1515/9783110358988-015; DOI (Book): 10.1515/9783110358988).

 

2016

92. Open Houses versus Closed Borders: Migrant Domestic Workers in Italy. A Gendered Perspective (1950s–2010s), in Elisa Olivito (a cura di / ed.), Gender and Migration in Italy a Multilayered Perspective, Farnham – Burlington, Ashgate, pp. 39-59 (ISBN 978-1-4724-5575-8 (hardback) – ISBN 978-1-4724-5576-5 (ebook) – ISBN 978-1-4724-5577-2 (epub)).

 

93. Une histoire de la famille à part entière? (con Anna Bellavitis & Manuela Martini), in Familles laborieuses. Rémunération, transmission et apprentissage dans les ateliers familiaux de la fin du Moyen Âge à l’époque contemporaine en Europe, a cura di / edited by Anna Bellavitis, Manuela Martini & Raffaella Sarti, sezione monografica di / special section of  “Mélanges de l’École française de Rome. Italie et Méditerranée modernes et contemporaines”, vol. 128, 2016, n. 1 (ISBN 978-2-7283-1190-3).

 

 

Dizionari / Dictionaries

 

1.    Voce / Entry “Agostino Fontana”, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 48 (Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1997, pp. 606-607.

 

2.    Voce / Entry “Fulvio Fontana”, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 48, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1997, pp. 661-663.

 


Schede, recensioni, brevi rassegne / Reviews, comments, and short review essays

 

3.    Donne e famiglia. A margine di un volume sul caso friulano, in “Rassegna degli Archivi di Stato”, n. 3, 1994, pp. 675-688.

 

4.    Recensione di / Review of Angiolina Arru, Il servo. Storia di una carriera nel Settecento, Bologna, Il Mulino, 1995, in “Rivista storica italiana”, CIX, 1997, pp. 350-356.

 

5.    Recensione di / Review of Giovanna Fiume (a cura di / ed.), Madri. Storia di un ruolo sociale, Venezia, Marsilio, 1995 e di Luisa Accati, Marina Cattaruzza, Marina Verzar Bass (a cura di / eds.), Padre e figlia, Torino, Rosenberg & Sellier, 1994, in “Passato e Presente”, n. 37, 1996, pp. 163-165.

 

6.    Recensione di / Review of Christiane Bender, Hans Graßl, Heidrun Motzkau, Jan Schuhmacher, Machen Frauen Kirche? Erwerbsarbeit in der organisierten Religion, Mainz, Matthias-Grünewald-Verlag, 1996, in “Agendaìì della Società Italiana delle Storiche”, n. 18, 1997, pp. 83-85.

 

7.    Recensione di / Review of Cesarina Casanova, La famiglia italiana in età moderna. Ricerche e modelli, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1997, in “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 19, 1997, pp. 86-89.

 

8.    Recensione di / Review of Cesarina Casanova, La famiglia italiana in età moderna. Ricerche e modelli, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1997, in “Letture Urbinati di Politica e Storia”, n. 2, 1998, pp. 41-47.

 

9.    I servi, le serve e le loro famiglie, in “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 20, 1998, pp. 87-90.

 

10. Recensione di / Review of Gabriella Zarri, Donna, disciplina, creanza cristiana dal XV al XVII secolo. Studi e testi a stampa, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1996, in “Società e Storia”, XXI, 1999, no 83, pp. 195-201.

 

11. Recensione di / Review of Das allgemeine Geschlecht/La généralité du genre, numero monografico di / special issue of  “Traverse. Zeitschrift für Geschichte/Revue d’histoire”, VII, 2000, 1, in “L’Homme. Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft”, XI, 2000, 2, pp. 386-390.

 

12. Recensione di / Review of Ottavia Niccoli, Storie di ogni giorno in una città del Seicento, Roma-Bari, Laterza, 2000, in “Storica”, 19, 2001, pp. 161-171.

 

13. Recensione di / Review of Steven A. Epstein, Speaking of Slavery. Color, ethnicity and human bondage, Ithaca and London, Cornell University Press, 2001, in “Annales. Historie, Sciences Sociales”, vol. 58, 2003, pp. 527-529.

 

14. Introduzione e cura di “A proposito di Congedarsi dal mondo. Il suicidio in Occidente e in Oriente, di Marzio Barbagli”; interventi di Jeffrey R. Watt (Riflessioni sul suicidio: reazioni a Congedarsi dal mondo) e Jörg Fisch, L’interminabile congedo dal mondo, in «Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia», vol. 24, 2010, pp. 97-119.

 

15. Recensione di / Review of Enrica Asquer, Maria Casalini, Anna Di Biagio, Paul Ginsborg, Famiglie del Novecento. Conflitti, culture e relazioni, Roma, Carocci, 2010, in “Il Mestiere di Storico”, 2011, 1.

 

16. Recensione di / Review of Lucy Delap, Knowing Their Place. Domestic Service in Twentieth-Century Britain, Oxford, Oxford University Press, 2011, in “International Review of Social History”, vol. 58, 2013, n. 1, pp. 139-143.

 


Resoconti e rapporti di ricerca / Reports

 

17. (a cura di / edited by), “European Women’s Studies from a Multicultural Perspective”: primo corso estivo, in “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 12, 1994, pp. 17-24.

 

18. Dentro e fuori casa. Famiglie e convivenze nella storia delle donne: resoconto di una discussione, in “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 12, 1994, pp. 31-36.

 

19. Resoconto del Primo Congresso delle Storiche Italiane, Identità e appartenenza. Donne e relazioni di genere dal mondo classico all’età contemporanea (Aula Magna della Facoltà di Economia, Rimini, 8-10 giugno 1995), “Bollettino SISSCO”, n. 14, 1995, pp. 22-28.

 

20. Scientific Report of the second seminar of the EU-network The socio-economic role of domestic service as a factor of European identity on Domestic service and the emergence of a new conception of labour in Europe. Servant adaptability to the labour market: Domestic service in Europe in a stage of transition (Department of History, University of Oslo, 13 – 16 June, 2002).

 

21. Final Report of the Servant Project (con Suzy Pasleau e Isabelle Schopp), inviato alla Commissione Europea, 2005 (per la versione finale della Conclusione, pubblicata nei Proceedings del Servant Project, clicca qui; per il preprint: della Conclusione del Rapporto vedi http://www.uniurb.it/scipol/drs_servant_project_conclusion.pdf).

 


Altro / Altro

 

22. Generazioni. Qualche nuovo spunto di discussione, “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 9, 1993, pp. 9-13.

 

23. (a cura di / edited by), Spoglio riviste straniere, “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 16, 1996, pp. 78-81.

 

24. Il dibattito fra le socie, “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 4, 1992, pp. 38-42.

 

25. Resoconto dell’Assemblea generale delle socie, “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 15, 1995, pp. 78-80.

 

26. (con Sara Cabibbo), Resoconto dell’Assemblea del 17 novembre 1996, “Agenda della Società Italiana delle Storiche”, n. 18, 1997, pp. 52-64.

 

27. Un focolare nel gelo, “Slowfood”, gen-marzo 2001, pp. 6-13.

 

28. La storia della cultura materiale, storia di tutti, “Iteronline,” 1 giugno 2001.

 

29. La famiglia e la Sinistra, un rapporto “sì e no”, in “Reset”, marzo-aprile 2005, pp. 57-58.

 

30. Civiltà della casa (con Pepi Merisio e Paolo Cornaglia), Roma, Ecra, 2005.

 

31. Dal lacchè alla ‘badante’. Le trasformazioni del servizio domestico in epoca moderna, “Prometeo”, 26, n. 103, 2008, pp. 72-81.

 

32. Heldin unter Männern (con Margareth Lanzinger), in “Das Land Südtirol”. Sondernr. Geschichte trifft Zukunft 1809-2009, 1-2 (2009), 12-13

 

pubblicato anche in / also published in “Österreich Journal” 73, 30 (2009), 45.

 

33. Colf e “badanti”: una storia infinita?, in “Italianieuropei”, 2009, n. 4, pp. 128-134.

 

34. Assistenti familiari ed enti locali, in “Qualificare”, novembre 2009, pubblicazione online.

 

35. Nello spazio aperto della casa: ‘badanti’ al tempo della crisi, in “Qualificare”, maggio 2010, pubblicazione online.

 


Papers, disponibili online, presentati a convegni e seminari /

Papers (available online, presented at conferences and seminars)

 

1.    Work and Toil. Breadwinner Ideology and Women's Work in 19th and 20th Century Italy, paper presentato al convegno internazionale Women, Work and the Breadwinner Ideology, Salzburg, 10-11 dicembre 1999 (copyright Raffaella Sarti, 1999).

 

2.    Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia: uno sguardo storico, paper presentato al seminario La catena globale della cura (Torino, 6 giugno 2004) e al seminario Donne e migrazioni (X Meeting Internazionale Antirazzista, Cecina Mare, 17-24 luglio 2004 (copyright Raffaella Sarti 2004).

 

3.    Wet-nurses, nannies and governesses at the crossroad between cultures, classes and countries, paper presentato al convegno Migration and Domestic Work in Global Perspective, Wassenaar, The Netherlands Institute for Advanced Studies, 26-29 maggio 2005 (copyright Raffaella Sarti 2005).

 

4.    Family ties over borders: international families of slaves and migrant domestic workers. Past and present in a comparative perspective, paper presentato alla Sixth European Social Science History Conference (ESSHC), Amsterdam, 22-25 marzo 2006.

 

5.    Family strategies between private and public services (Europe, 1950-2000), paper presented at the Third Symposium within the Project Gender and Well-Being  Interactions between Work, Family and Public Policies (Cost Action 34), Production and Distribution of Well-Being into the Family: Strategies of Remunerated and Non-remunerated Labour and Consumption Patterns, Barcelona, Spain, 25-27 June 2007 (available online: http://www.ub.edu/tig/GWBNet/).

 

6.    (con Elena De Marchi), Assistenza pubblica e privata. Un’analisi del ruolo degli enti locali, relazione presentata alla XVIII Assemblea Nazionale delle Acli-Colf, Roma 22-24 maggio 2009.

 

7.    The ‘Servant Project’, intervento al convegno organizzato da Apre nell’ambito del progetto Gemma su Genere e Migrazione tra Politiche e Ricerca, Venezia, 30 ottobre 2009.

 

 

Curriculum vitae

 

Education

 

I studied as an undergraduate at the Faculty of Arts (Facoltà di Lettere e Filosofia) of the University of Bologna (1982-1988), where I graduated (laurea) in Contemporary History magna cum laude, and as a PhD student in “History of European Society” at the University of Turin (1990-1994).

 

Thereafter, I worked as a post-doctoral fellow in the Department of History at the University of Florence (1995-1997), as a Marie Curie Fellow at the École des Hautes Études en Sciences Sociales (Centre de Recherches Historiques) in Paris (1998-2000) and as an assegnista post-dottorato at the University of Urbino (2000-2001).

 


Current position and teaching

 

I am a researcher and an “aggregate professor” in Early Modern History and Gender History in the Department of International Studies: History, Languages, Cultures (Dipartimento di Studi Internazionali: Storia, Lingue, Culture) at the University of Urbino, Italy.

 

* * *

 

At the University of Urbino, since 2002, I have taught Early Modern History (Storia Moderna, 2002-2010; 2011-to date) and Gender History (2014-to date). I have also taught Historical Research Methodology (Metodologia della ricerca storica, 2001-2002) and Demography and Social History (Demografia e Storia Sociale, 2008-2009). 

 

For several years I sat on the Steering Committee of the Specialised Degree Course in Archive Science, Librarianship and Documentary Information in the Faculty of Arts and Philosophy (Consiglio di Corso di Laurea Specialistica in Scienze Archivistiche, Librarie e dell’Informazione Documentaria presso la Facoltà di Lettere e Filosofia).

 

In 2010-2011, I taught a course on women’s and gender history (Introduction to Women’s and Gender History - Introduzione alla storia delle donne e dell’identità di genere) open to all students of the University of Urbino.

 

 

* * *

 

From 2001 to 2011, I was a membre associé of the Centre de Recherches Historiques at the École des Hautes Études en Sciences Sociales in Paris, France.

 

In 2006-2007, I was visiting professor at the University of Vienna, Austria (I was Käthe-Leichter Gastprofessorin at the Institut für Geschichte).

 

Between 2006 and 2009, I also taught in the Faculty of Arts and Philosophy of the University of Bologna, Italy (Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Bologna). In 2006-2007 I taught Social History (Storia sociale), in 2007-2008 Women’s History (Storia delle donne) and in 2008-2009 Women’s and Gender History (Storia delle donne e dell’identità di genere).

 

Between May and July 2014 I was investigadora visitante at the University of Murcia, Spain, where I gave seminars and held meetings with PhD students and young researchers.

 

* * *

 

I (co-)supervised/supervise PhD students from the State University of Milan’ State University (Università Statale di Milano), the Univerity of Bologna, and the University of Murcia, Spain. I also participated in PhD juries in Bologna (2001), Santiago de Compostela, Spain (2004) and Madrid’s University Complutense, Spain (2014). I was a referee on a PhD thesis at Madrid’s University Carlos III, Spain, in 2008, and on another in Murcia in 2014. Between 2007 and 2014, I was a member of the commission of the international doctoral course Politische Kommunikation von der Antike bis ins 20. Jahrhundert / Comunicazione politica dall'antichità al XX based in Frankfurt, Germany.

 

 

Representative roles and administration

I have always participated actively in the life of the institutions where I have worked/work.

I represented researchers on the Board of the Faculty of Political Science (2001-2006), was a member of the Giunta (Board) of the Department of History and Cultural Heritage (2010-2011) and, since 2013, of that the Department of International Studies: History, Languages, Cultures, a role I still hold. In 2015 I was a member of the ommission that prepared the plan, then approved, of the new Department of Communication Sciences, Humanities and International Studies: History, Cultures, Languages, Literatures, Arts, Media (DISCUI).

In 2011-2012, I was a member of the Commission for the revision ofthe Statute of the University of Urbino and of the Commission that revised the General Ordinances of the University (Regolamento Generale di Ateneo).

I was the tutors’ coordinator at the Faculty of Political Science, and, from 2010 to 2012, I a member of the University Committee on tutoring and educational innovation.

I am also co-president of the researchers at the University of Urbino.

 

 

Research interests

 

I conduct research in

·        gender and women’s history;

·        the history of masculinity;

·        the history of the family in Europe;

·        the history of marriage and celibacy

·        the global history of domestic service;

·        the history of slavery in the Mediterranean;

·        the history of material culture in Europe and in non-European countries around the Mediterranean;

·        the history of graffiti and wall writings;

·        the history of South Tyrol.

 

 

My research often has a long-term and comparative approach, thanks to my expertise in European social and gender history from the late Middle Ages to the present day.

I am the author of over one hundred publications in Italian, English, French, German, Spanish, Portuguese, Dutch, Croatian and Bulgarian (books as author or editor, journal articles, chapters in collections, reviews, encyclopedia entries, research reports, texts for a general audience, etc .: for the full list, see the section Publications and doctoral thesis). My works are published by national and international leading publishers, such as Laterza and Yale University Press, and important journals both Italian (Quaderni Storici, Genesis, Polis, Oriente Moderno) and international (Gender and History, International Review of Social History, European History Quarterly, Clio. Femmes, Genre, Histoire, L'Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft, Arenal, Paedagogica Historica, The History of the Family etc.).

 

I have written a book on family and material culture in Europe (1500-1800) – Vita di casa. Abitare, mangiare, vestire nell’Europa moderna, Roma-Bari, Laterza 1999 – which has had several editions and reprints, is also published online (www.laterza.it/vitadicasa) and has been translated into several languages (English: Europe at Home. Family and Material culture, 1500-1800, Yale U.P. 2002 and 2004; Spanish, Portuguese, Dutch, Croatian). Reviews of the book were published in many newspapers, magazines and academic journals (Annales. Histoire, Sciences Sociales; Cahiers d’Histoire; Continuity and Change; Journal of Social History; Social History; Sixteenth Century Journal; Journal of Modern History; The English Historical Review; H-net; H-Women; L'Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft; Cuadernos de Historia Moderna; Atlantic; History Today; History: Reviews of New Books; Reviews in History; BBC History Magazine, etc.). 

 

The volume Nubili e celibi tra scelta a costrizione, edited with Margareth Lanzinger (Udine: Forum, 2006) and the volume Lavoro domestico e di cura: quali diritti? (Roma: Ediesse, 2010) have also been reviewed in several academic journals (such as the Journal of Modern Italian Studies and Gender & History as for Nubili e celibi; Clio. Femmes, Genre, Histoire, Genre & Histoire, Rassegna Italiana di Sociologia, as for Lavoro domestico e di cura).

 

Interest in the topics dealt with in my books was also shown by radio and TV stations.

 

While my book Vita di casa was one of the first Italian history books published both on paper and online (www.laterza.it/vitadicasa), I have recently published an open access e-book, Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni, vol. I, Teorie e dibattiti (the second volume is in preparation).

 


Participation in research groups and organisation of conferences (2000-to date)

 

Domestic and care work

 

In addition to working on my own research projects, I have endeavoured to promote and develop scientific exchange and collaboration. I was one of the promoters of the “Servant Project” (The socio-economic role of domestic service as a factor of European identity), funded by the European Commission (2002-2004). This project involved some twenty European universities and research institutes. With Suzy Pasleau and Isabelle Schopp, wrote the Final Report submitted to the European Commission. Furthermore, I worked with these two colleagues at editing the Proceedings of this Project (Liège, Éditions de l’Université de Liège, 2005, 5 vols), writing the Introduction, three essays and the Conclusion.

 

I organised several panels within international conferences. The proceedings of many of them were published, particularly those organised within the European Social Science History Conferences (ESSHC). One of the panels on domestic service I organised within the 2002 ESSHC, held in The Hague, originated the Forum: Domestic service since 1750, I edited in Gender and History (vol. 18, 2006, n. 2). The papers presented at the session I organised for the 2004 conference, held in Berlin, on Servants and Children. The role of domestic personnel in upbringing and education of master’s children (16th-21st centuries), were published, with other articles, in the special issue of Paedagogica Historica on Servants, Domestic Workers and Children (vol. 43, 2007, n. 4), I edited with Patrizia Delpiano. The papers presented at the panel Male Domestic Workers: Past and Present in Comparative Perspective, I organised with Francesca Scrinzi within the conference held in Lisbon (2008) were published, with other articles, in the special issue of Men and Masculinities on Men in a Woman’s Job. Male domestic workers, migration and the globalization of care (vol. 13, 2010, n. 1), I edited with Francesca Scrinzi.

 

The papers presented at the session on Domestic service, migration and gender in Italy from the 19th century to the present (Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi) I organised with Jacqueline Andall for the Third Congress of the Italian Society of Women Historians held in Florence in 2003 (Terzo Congresso della Società Italiana delle Storiche) were published, with other papers, in the special issue of the journal Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia on Servizio domestico, migrazioni e identità di genere in Italia dall’Ottocento a oggi, I edited with Jacqueline Andall (vol. 18, 2004, n. 1).

 

I was also a member of the research team funded by the Italian Ministry for University and Scientific Research on Nationality, gender and class in the new domestic service. Changes in the Italian family and evolution of migratory systems (Na­zio­nalità, genere e classe nel nuovo lavoro domestico. Cambiamenti nella famiglia italiana ed evoluzione dei sistemi migratori, Cofin 2004. I contributed to the volume which presents the results of this project with a chapter on male domestic workers, i.e. “La costruzione dell’identità di genere nei lavoratori domestici”, in Badanti & Co. Il lavoro domestico straniero in Italia, edited by Raimondo Catanzaro and Asher Colombo (Bologna, Il Mulino, 2009), pp. 57-83 (because of an error, the title I gave to the article was changed without informing me).

 

I also organised a workshop on the rights of domestic workers in Italy (Lavoro domestico: quali diritti? Una riflessione a cinquant’anni dalla legge 2 aprile 1958, n. 339 “Per la tutela del lavoro domestico”, Palazzo Albani, Urbino, 26 settembre 2008). The proceedings of the workshop, with other articles, were published in the volume Lavoro domestico e di cura: quali diritti? (Roma, Ediesse, 2010), which I edited.

 

In this volume the results of a research I conducted with Elena De Marchi on the interventions by Italian municipalities, provinces and regions in the field of private assistance to the elderly were also published. The first results of this research project, entitled Assistenza pubblica e privata. Un’analisi del ruolo degli enti locali and funded by Acli-Colf (the main Italian association of domestic workers), were presented at the XVII National Meeting of Acli-Colf (Rome, 22-24 May 2009 – click here to download the paper).

 

I collaborated with Acli-Colf within the project whose main outcome was the organisation of the conference Colf d’Italia: 150 anni di lavoro domestico per raccontare l'Italia che cura, Roma, 18 November 2011. I currently collaborate with Acli-Colf as member of a research team working on care-work.

 

In 2003 and in 2014, I was invited to Brussels to discuss issues related to my research on paid domestic work, in the first instance at the European Commission, in the second  with the Efsi (European Federation for Services to Individuals).

 

I have dealt with the topic of public and private services in a comparative perspective in my contribution to the COST project Gender and Well-Being: Work, Family and Public Policies (European Science Foundation, European Cooperation in the field of Scientific and Technical Research, COST action A 34, Gender and Well-Being: Work, Family and Public Policies). The paper Family strategies between private and public services (Europe, 1950-2000), presented at the Third Symposium organised within the project: Production and Distribution of Well-Being into the Family: Strategies of Remunerated and Non-remunerated Labour and Consumption Patterns, Barcelona, Spain, 25-27 June 2007 isavailable online: http://www.ub.edu/tig/GWBNet/.

 

I am focusing on (paid and unpaid) domestic work and the complex topic of the definition of what is / isn’t considered as “work” within the project I am coordinating with Anna Bellavitis (Université de Rouen, GRHIS) and Manuela Martini (Université Paris Diderot-Paris 7, ICT), Travail en famille, travail non rémunéré. Formes et acteurs du travail domestique productif en Europe (XVe-XXIe siècle).

 

Within the project Cantiere Mediterraneo (Università degli Studi di Urbino e Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro) I mainly focused on life-cycle, migration, and domestic work, while I will develop new themes on life-cycle, gender and the relationship between private and public welfare in a long term perspective (1500-1900), thanks to the participation to the project Familia, desigualdad social y cambio generacional en la España centro-meridional, 1700-1900 coordinated by Francisco Garcia Gonzalez (Albacete, Universidad de Castilla-La Mancha) and funded by the Spanish Ministerio de la Universidad (2014-2018).

 

 

Men at home

 

My interest in the domestic sphere, male domestic workers and more generally the different domestic roles of household members led me me to organise the symposium Men at Home. Authority, Domesticity, Sexuality and Household Production (Urbino, April 2014), funded by the University of Urbino and the journal “Gender and History”. The symposium was the first step towards the publication of a special issue of Gender and History entitled Men at Home: Domesticities, Authority, Emotions and Work (13th – 20th Centuries) (vol. 27/3, Nov. 2015).

 

 

Singles

 

Another research area where I have organised meetings and edited collections is the history of unmarried people. On this issue, I organised with Margareth Lanzinger a session entitled Celibi e nubili tra scelta e costrizione within the Congress of the Italian Society of Historical Demography (Società Italiana di Demografia Storica) on Marriage and the Family in Italy (Matrimonio e famiglia in Italia) held in Florence in 2003.

 

The research on this topic was then developed by the members of the unit I co-ordinated on Female and male celibacy and "families". The Italian case in a comparative perspective, 15th-20th centuries (Nubilato, celibato e “famiglie”. Il caso italiano in prospettiva comparata, secc. XV-XX), within the research project funded by the Italian Ministry for University and Scientific Research on History of the family from the 15th to 20th centuries: A comparative perspective (Storia della famiglia. Costanti e varianti in una prospettiva europea, secoli XV-XX, Cofin 2005). Within this project I also organised the conference Nubili, celibi, ‘famiglie’ . Studi condotti, risultati raggiunti, prospettive di ricerca (secoli XVI-XX), 3-4 ottobre 2008, Palazzo Albani, Urbino. The outcomes of this work were published in a volume I edited with Margareth Lanzinger (Udine: Forum, 2006) and in a special issue of European History Quarterly on Unmarried Lives. Italy and Europe, 16th to 19th centuries, edited with Silvia Evangelisti and Margareth Lanzinger (vol. 38, 2008, n. 3).

 

On marriage and celibacy I also organised the workshop Matrimonio, Nubilato, Celibato within the PhD course on History and Geography of Europe (Bologna, March 2009). The papers presented at the workshop, with several others, were published in the dossier Fare e disfare famiglia. Relazioni di coppia in Italia in età moderna e contemporanea (The Making and Unmaking of the Family. Couple relationships in early-modern and modern Italy), a special issue of the online-journal Storicamente (2010, n. 6).

 

I presented papers on singles at the 9th European Social Science History Conference (Glasgow, 11-14 April 2012) and at the seminar El Debate actual de la Familia en las ciencias sociales in Murcia on 10 May 2012.

 

 

The maid of Spinges – Das Mädchen von Spinges

 

Together with Margareth Lanzinger I worked on a project – funded by the Archivio provinciale dell’Alto Adige/Südtiroler Landesarchiv – on the so-called “Maid of Spinges” (Mädchen von Spinges), a Tyrolean heroine who, according to tradition, in 1797 fought against the French and, as late as 1870, was identified with a woman called Katharina Lanz (1771-1854). Some articles and chapters on this issue were published in 2009-2010 in Italian, German and Bulgarian (see the section Publications and Ph.D. thesis).

 


Editorial boards and scientific committees

 

I was one of the founders of the Società Italiana delle Storiche (Italian Association of Women Historians) in 1989 and for about ten years a was a member of the editorial board of the bulletin of the association (Agenda. Bollettino della Società Italiana delle Storiche). Between 1998 and 2003, I was a member of editorial board of the journal of the association Genesis. Rivista della Società Italiana delle Storiche and was also the editor of its first issue with Maura Palazzi and Simonetta Soldani (Patrie e Appartenenze, vol. 1, n. 1, 2002).

 

From 1998 to 2003, I was a member of the editorial board of the journal Letture urbinati di politica e storia.

 

From 2004 to 2011, I was a member of the editorial board of Polis. Ricerche e studi su società e politica in Italia .

 

I am currently a member of the editorial collective of Gender and History (since 2004) and of the editorial board of Qualificare (since 2009).

 

From 2008 to 2011, I was a member of the advisory board of the Italian journal Prisma. Since 2012, I have been a member of the scientific committee (wissenschaftlicher Beirat) of L’Homme. Europäische Zeitschrift für feministische Geschichtswissenschaft.

 

Since 2010, I have been a member of the scientific committee of the series on Women’s and Gender History of the Società Italiana delle Storiche, published by Viella, acting as coordinator in 2010-2011 and in 2014-2015.

 

 

Evaluations and peer reviews

 

I act as reviewer and assessor of articles, books, research projects both in Italy and abroad for journals, publishers, funding agencies, etc. (see detailed CV, points 14-15-16).



Language skills

 

I have a keen interest in foreign languages. I speak English, French, German and Spanish; I can read Portuguese and have recently begun to study Russian.




Ultimo aggiornamento: Ottobre 2015 / Updated: October 2015.